BalKam - Guida ai playoff UEFA 17/18

14.08.2017 12:45 di Dimitri Conti  articolo letto 16 volte
BalKam - Guida ai playoff UEFA 17/18

BalKam inquadra i playoff UEFA di Champions ed Europa League che attendono le squadre balcaniche. In percentuale le possibilità di passare il turno.

[CHAMPIONS LEAGUE]

Hapoel Be'er-Sheva - Maribor

All'interno della Champions Route, i campioni di Slovenia affrontano quelli di Israele. Posta la difficoltà di base della competizione, la compagine di Bee'er Sheva in Italia è perlopiù ricordata per aver sconfitto due volte a domicilio nella scorsa edizione di Europa League l'Inter, facendo fare una brutta figura ai nerazzurri sul piano della storia e della tradizione. Gli israeliani però sono forti, e per il Maribor, partito bene in campionato, si preannuncia partenza da leggero sfavorito.
La stella degli altri: Isaac Cuenca. Acquistato dal Granada, rimpiazzerà Buzaglo nelle dinamiche di squadra. Ma deve integrarsi: occhio allora a bomber Pekhart, altro acquisto estivo. L'ex AEK ha già segnato alla prima di campionato.
Possibilità: 45%

Olympiakos - Rijeka

Tra tutte le possibili scelte nell'urna, l'eventualità che capitassero i greci dell'Olympiakos avrebbe visto chiunque uscire sfavorito dalle classici valutazioni dei pronostici. Ed è anche il caso del Rijeka, specialmente se i campioni di Croazia arrivano alla sfida con una squadra rivoluzionata ed un andamento tutt'altro che a gas spalancato in questo avvio. I greci non hanno fatto il miglior mercato della loro storia recente, ma restano la peggior pallina possibile.
La stella degli altri: Mehdi Carcela-Gonzalez, altro calciatore in arrivo da Granada, in prestito. Tanto estroso quanto poco disciplinato. Aria di derby per Milic. Per fortuna dei croati dovrebbe mancare Emenike nell'attacco ellenico.
Possibilità: 30%

[EUROPA LEAGUE]

Crvena Zvezda - Krasnodar

Sui singoli, la compagine russa è nettamente superiore alla nostra Stella Rossa. Ma il Crvena Zvezda ha fatto ben sperare nel turno precedente, eliminando con sicurezza - grazie alle due vittorie tra andata e ritorno - lo Sparta Praha di Stramaccioni. La squadra serba ha mostrato una compattezza mai vista sinora, prestando attenzione alla fase difensiva: ne servirà altrettanta contro i russi per passare alla fase successiva. Il Krasnodar ha un potenziale offensivo di quelli che spaventano.
La stella degli altri: Pavel Mamaev, ala e guida tecnica. Ma di certo non sfigurano l'esperto svedese Granqvist in difesa, l'altrettanto rodato Kaboré in mediana, o i vari Wanderson e Smolov che presidiano le zone d'attacco.
Possibilità: 40%

Dinamo - Skënderbeu

Sfida tra quasi vicini di casa, e aria di sfida balcanica tra Dinamo e Skënderbeu. Gli albanesi, partiti nella competizione già dal primo turno, hanno sorpreso tutti eliminando i cechi del Mladá Boleslav, nettamente i favoriti della vigilia, proprio per arrivare alla sfida contro i croati. La squadra allenata da Cvitanovic in questo momento sembra essere animata da un fuoco di rivincita, e l'ha dimostrato anche in campionato con il Rijeka: le possibilità di passare ci sono, se non si sottovaluta l'avversaria.
La stella degli altri: Ali Sowe, arrivato in prestito dal Chievo: c'è curiosità attorno all'esterno classe '94. E sull'altro versante sta facendo benissimo il coetaneo Latifi. Il nigeriano James segna poco ma ha la fiducia di tutti.
Possibilità: 70%

Domžale - Olympique de Marseille

Un'impresa tira l'altra. Dev'essere questo il motto balenato alla mente di chiunque c'entri con il Domžale al momento dell'estrazione che ha assegnato l'OM come avversario finale per l'accesso ai gironi di Europa League. Alle spalle però non si può scordare la fantastica rimonta sul Freiburg, sbattuto fuori a sorpresa in Slovenia dopo che i tedeschi si erano imposti 1-0 in casa. Un minimo di credito agli sloveni è rimasto, ma i marsigliesi guidati da Garcia, francamente, paiono davvero essere di un altro pianeta.
La stella degli altri: Dimitri Payet, fuggito a far fortuna salvo poi tornare al Vélodrome. Con il cambio ai vertici della società i francesi sembrano davvero disposti a spendere sul mercato: intanto è arrivato Luiz Gustavo in mediana.
Possibilità: 5%

Everton - Hajduk

Questa, in assoluto non è l'estrazione peggiore tra tutte quelle capitate a livello di disparità assoluta, ma la differenza di valori in gioco nel confronto tra Everton e Hajduk Split è pressoché insostenibile per la compagine croata, che ha anche steccato nel big match con la Dinamo in campionato, eliminando però al contempo in modo perentorio i danesi del Brøndby nel terzo turno di EL. La speranza è che si faccia sentire in qualche modo la preparazione anticipata. Ma pare più un miraggio.
La stella degli altri: Wayne Rooney, il profeta in patria-bis. Con i soldi della cessione di Lukaku è arrivata una squadra nuova: Pickford in porta, Keane in difesa, Klaassen a centrocampo, Martina e Onyekuru sull'esterno, Sandro davanti.
Possibilità: 15%

Osijek - Austria Wien

L'Osijek, partito già da fine giugno nel cammino, si è reso protagonista di una vera e propria impresa nel terzo turno, eliminando una squadra di caratura ben superiore quale il PSV Eindhoven. Il punto è soprattutto come: gli olandesi sono stati sconfitti sia inizialmente a domicilio, che poi in Croazia. L'Austria Wien non è una squadra impossibile da superare con queste premesse, anche se è bene ricordare che il tasso tecnico dell'Osijek non è proprio da club di primo livello.
La stella degli altri: Olarenwaju Kayode, punta da 17 centri nell'ultimo campionato. Westermann, in prestito dall'Ajax, guida la retroguardia. C'è una discreta presenza balcanica: il portiere Hadžikici difensori Filipovic e Pejic.
Possibilità: 50%

Partizan - Videoton

Capitombolato giù dalla Champions ad opera dell'Olympiakos - ed anche per la solita dose di autolesionismo - il Partizan ha adesso l'obiettivo fase a gironi di Europa League. L'ostacolo sono gli ungheresi del Videoton, guidati da... Marko Nikolic. L'ex allenatore dei campioni di Serbia, che ha lasciato la panchina a fine anno, al quale è subentrato ora Đukic. I bianconeri sono favoriti ma la squadra è stata svuotata dalle solite cessioni e non sta vivendo un periodo di forma memorabile.
La stella degli altri: Danko Lazovic, tre volte in carriera al Partizan. Ormai 34enne, sembrava destinato ad una successo maggiore. Gli esterni sono bosniaci: Hadžic da un lato e Suljic dall'altro. Tra i pali Kovacsik, ex Reggina.
Possibilità: 70%

Shkëndija - Milan

Questa sì, è la sfida più impari, scritta in partenza. La sfida tra squadre rossonere, ci perdoni chi si offende per un accostamento che non ha nient'altro oltre al cromatico, ha un risultato solo. Tanto di cappello allo Shkëndija, capace di farsi valere contro formazioni più quotate tipo l'HJK Helsinki e vittorioso anche in campionato alla prima con il Vardar, ma il verdetto è scritto. Per il club di Tetovo rimarrà la soddisfazione del contatto diretto con la squadra che li ha ispirati da sempre.
La stella degli altri: Leonardo Bonucci, il tentato schiaffo alla Signora. Ma è solo uno dei tanti volti nuovi della campagna acquisti: a livello di competizioni europee intrigano e destano curiosità Rodríguez, Calhanoglu e Silva.
Possibilità: 1%

Vardar - Fenerbahçe

Al netto dei risultati attuali, il movimento calcistico macedone è il quarto migliore nell'area slava dei Balcani. E il Vardar ne è la prova perfetta: al secondo turno di Champions ha eliminato il Malmö, e sembrava poter fare lo stesso contro il København, salvo venir rimontata dalla squadra più forte di Danimarca nel ritorno. Ora c'è il Fenerbahçe: il sorteggio non è stato affatto benevolo con la compagine macedone, che rischia seriamente l'eliminazione. O la grandissima sorpresa.
La stella degli altri: Robin van Persie, per meriti acquisiti. Ma la rosa è completa: dietro nomi quali Škrtel, Neustädter e Isla, o due ex della Ligue 1 per le corsie d'attacco quali Dirar e Valbuena. E ci sarebbe anche Soldado, infortunato.
Possibilità: 15%