Champions, Day 3. Shakhtar e Dinamo pareggiano 2-2: le pagelle

22.10.2019 20:50 di Redazione Calcioslavo.it   Vedi letture
Champions, Day 3. Shakhtar e Dinamo pareggiano 2-2: le pagelle

Una doppia sfida che promette di essere cruciale, quella tra Shakhtar Donetsk e Dinamo Zagabria, per le sorti di chi vuole provare a qualificarsi nel gruppo C di Champions League, in cui il Manchester City ha già di fatto ipotecato il primato. Il primo dei due capitoli si giocava oggi alle 18.55, in terra ucraina, a Kharkiv. Nelle scelte iniziali di Bjelica, si registra una sola grande novità rispetto alle ultime uscite europee, con la panchina forzata - causa problemi fisici - di Petkovic, e l'inserimento di Gavranovic là davanti. L'inizio è intenso, su grandi livelli di agonismo: come riprova c'è l'ammonizione subita da Stojanovic dopo appena sei minuti. Ad aprire le danze è la squadra di casa, capace di sbloccarla a ridosso del quarto d'ora grazie ad un super inserimento di Konoplyanka. I campioni di Croazia sembrano accusare il colpo, tanto che viene ammonito pure Peric al 23', e invece trova il modo di rialzarsi subito. Olmo sbuca alle spalle della difesa ucraina, e con un facile tap-in segna il pareggio. Prende coraggio la Dinamo, che si alza anche leggermente sul campo, anche se il primo tempo si conclude con un gol per parte. Dopo neanche cinque minuti di ripresa, invece, la chance per il raddoppio ospite: Orsic semina tutti, ma viene fermato dal palo. Ci prova con un poderoso long shot Olmo sulla ribattuta, ma trova un super Pyatov a spolverare l'incrocio. Il portiere ucraino però, al 58', regala un rigore alla Dinamo con una follia, una trattenuta al collo di Gavranovic che gli costa pure l'ammonizione. E porta al vantaggio croato, con la firma di un Orsic scatenato e adesso arrivato a quota quattro gol in Champions, dopo i tre rifilati all'Atalanta all'esordio. Sembra che la strada vada così in discesa, visto anche che la squadra di Bjelica continua a spingere per affondare, ma lo Shakhtar ha un sussulto, e al 75' trova il pareggio con Dodo, entrato in campo pochi minuti prima, innescato da un tocco geniale di Alan Patrick. L'ultimo quarto d'ora, perciò, è di fuoco. L'occasione migliore capita ancora ai croati, con una ripartenza di Olmo a campo aperto, anche se la conclusione al termine della lunga sgroppata si infrange sulla base esterna del legno, solo sfiorato. I tre minuti di recupero conclusivi scorrono senza troppi scossoni: al triplice fischio è 2-2.


SHAKHTAR - DINAMO 2-2
16' Konoplyanka (S); 25' Olmo (D); 60' rig. Orsic (D); 75' Dodo (S)

Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov 4.5; Bolbat 5.5 (dal 66' Dodo 7), Kryvtsov 6, Matviyenko 5.5, Ismaily 5.5; Stepanenko 6, Alan Patrick 6.5; Marlos 6.5 (dall'84' Kovalenko sv), Taison 6, Konoplyanka 6.5 (dal 66' Solomon 5.5); Moraes 5.
A disposizione: Shevchenko, Khocholava, Marcos Antonio, Dentinho.
Allenatore: Luis Castro.

Dinamo Zagabria (5-2-1-2): Livakovic 6; Stojanovic 5, Theophile-Catherine 6, Dilaver 5, Peric 5.5, Leovac 6; Ademi 6 (dal 68' Gojak 6), Moro 6.5; Olmo 7; Gavranovic 6 (dal 62' Petkovic 5.5), Orsic 7 (dal 90' Ivanusec sv).
A disposizione: Zagorac, Hajrovic, Situm, Kadzior.
Allenatore: Nenad Bjelica.