Luka Jović sulla tratta Lisbona-Francoforte

05.07.2017 08:30 di Dimitri Conti  articolo letto 77 volte
Luka Jović sulla tratta Lisbona-Francoforte

Luka Jović, attaccante promessa del calcio serbo, è sbarcato all'Eintracht Francoforte a cercar fortuna. Al centro di un girotondo di mercato ordito da LIAN Sports.

Luka Jović, da quando se n'era andato dalla Serbia, lasciando il Crvena Zvezda in favore del Benfica - dopo un inusuale, ma spiegabile (su altre pagine purtroppo, o c'è da tirarla per le lunghe davvero) transito di sei giorni (!) nell'Apollon Limassol - nel febbraio del 2016, aveva accusato più di una difficoltà nell'adattamento ai palcoscenici europei di una certa rilevanza. Profilo da tipico attaccante dell'Est dal fisico contenuto che ha nella rapidità e nella scaltrezza il punto di forza, di quelli che finché segnano fanno le prime punte, a Lisbona ha però collezionato soltanto quattro presenze in prima squadra, anche se con la gioia - piuttosto relativa, però - di aver calcato il palcoscenico della Champions League, grazie all'ingresso a due minuti dal termine nel ritorno dei quarti contro il Bayern. Un attaccante arrivato al Benfica con un hype non trascurabile: nel 2014 il The Guardian lo inserisce tra i quaranta migliori nati nel '97; l'anno dopo arriva la nomina di Don Balón, che di per sé ha un tratto già praticamente di mitologia: Jović risulta tra i migliori giovani nati dopo il 1994. Certe nomine fanno senz'altro piacere, ma rappresentano un fardello se non si hanno le spalle per sostenerle. Aggiungeteci poi LIAN Sports, agenzia che cura i suoi interessi, e i movimenti sul mercato internazionale. Qualcosa non torna? Facciamo chiarezza.

LIAN Sports è una rilevante azienda di agenti FIFA fondata dal potente personaggio Fali Ramadani, ben più che un semplice procuratore. La sede è a Belgrado, e LIAN ad oggi detiene procure potenzialmente fruttuose nell'immediato futuro quali quelle di Perišić e di Kalinić, o che hanno fruttato nel recente e medio passato, vedi Alonso e Rog. Com'è possibile vedere - aggiungete alla lista anche i vari Jovetić, Ljajić e Nastasić e ne mancano tanti altri minori tipo Rebić - c'è una certa vicinanza con la Fiorentina, tema anche questo da approfondire in separata sede, che però offre uno spunto importante anche nella chiave di lettura della vicenda Jović: il gruppo ha un rapporto che potremmo definire privilegiato con alcune società di calcio. Tra queste certamente, oltre alle suddette Benfica e Fiorentina, c'è l'Eintracht Francoforte. Squadra che è appunto la nuova destinazione di Jović: il Benfica lo ha prestato al club tedesco per i prossimi due anni. In precedenza l'attaccante dell'Eintracht era Haris Seferović. Se avete seguito il discorso fino a qui potrete constatare con ben poca sorpresa che Seferović, membro della scuderia LIAN, abbia un trascorso nella Fiorentina. La sinergia creata ha reso così possibile un movimento circolare: Seferović, in scadenza di contratto al 30 giugno, si è accasato al Benfica, lasciando spazio per l'altro adepto della casa Jović. Tutti contenti, LIAN Sports ancor di più.