UCL, Day 5. Atalanta batte Dinamo 2-0. Stella Rossa demolita in casa

26.11.2019 23:00 di Redazione Calcioslavo.it   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
UCL, Day 5. Atalanta batte Dinamo 2-0. Stella Rossa demolita in casa

Champions League, Europa League o rischio di eliminazione. Tutto, o quasi, il destino della Dinamo Zagabria ruotava intorno alla trasferta di Milano, casa europea dell'Atalanta. Purtroppo, nel pre-partita, sono da segnalare scontri all'esterno dell'impianto che vedono coinvolti esponenti di entrambe le tifoserie, anche se generati - secondo i racconti di chi è sul posto - da alcuni sostenitori croati, staccatisi dalla scorta in zona Lampugnano. Gli scontri, per fortuna qui si intende soltanto quelli a livello sportivo, non mancano neppure in campo: sul prato di San Siro, perlomeno inizialmente, va in scena una vera e propria battaglia. Muriel, tra i migliori già in avvio, sfrutta un'ingenuità di un Peric apparso in evidente difficoltà nei suoi confronti, lasciandosi stendere in area di rigore, prima di sbloccare lui stesso la sfida dal dischetto. Per poco lo stesso centrale croato non gli regala la possibilità di raddoppiare, facendosi perdonare solo al 34', in parte, quando va a salvare sulla linea il gol già fatto di Hateboer. Il legno strozza in gola l'urlo del pareggio croato, visto che Orsic fa tutto benissimo, partendo da sinistra per calciare a giro col destro, ma viene fermato dalla traversa. Grandi emozioni ed intensità nel primo tempo, che si conclude con il parziale di 1-0 in favore della Dea. Bastano pochi secondi di ripresa però, poco più di sessanta, per spegnere le ambizioni dei capitolini. L'autore del misfatto è Gomez, che va in rete con un gran gesto tecnico: prima il tunnel su Ivanusec, un po' fortunoso, poi il gran fendente col destro a non lasciar scampo a Livakovic. Il secondo tempo, così, diventa una sorta di monologo in salsa atalantina, con la Dinamo troppo spesso alle corde, e costretta a concedere ripartenze micidiali ai padroni di casa. Prima vittoria dell'Atalanta in Champions League nella sua storia, ma le brutte notizie arrivano soprattutto dall'Etihad, visto che lo Shakhtar Donetsk è riuscito a strappare un punto in casa del Manchester City. In pratica, adesso la Dinamo è costretta a vincere l'ultima al Maksimir, proprio contro la temibile compagine inglese, se vuole sperare di superare il girone. Potrebbe pure non bastare, qualora gli ucraini facessero altrettanto con l'Atalanta. Tutto apertissimo, ma adesso il compito dei campioni di Croazia si fa decisamente complicato. Ecco le pagelle dell'incontro di CalcioSlavo.it, oltre a tabellino e classifiche.


ATALANTA - DINAMO ZAGABRIA 2-0
27' rig. Muriel; 47' Gomez

Atalanta (3-4-2-1): Gollini 6; Toloi 6, Kjaer 6.5, Palomino 6.5; Hateboer 6 (dal 66' Castagne 6), De Roon 6.5, Freuler 6, Gosens 6.5; Pasalic 6, Gomez 7.5 (dal 90' Malinovskyi sv); Muriel 7 (dal 61' Ilicic 6.5).
A disposizione: Sportiello, Masiello, Djimsiti, Barrow.
Allenatore: Gian Piero Gasperini.

Dinamo (3-5-2): Livakovic 6; Theophile-Catherine 6, Dilaver 6, Peric 5; Stojanovic 6 (dal 75' Djira sv), Olmo 5 (dal 93' Situm sv), Ademi 5.5, Ivanusec 5 (dal 67' Gojak 5.5), Leovac 5.5; Petkovic 5, Orsic 6.5.
A disposizione: Zagorac, Gavranovic, Moubandje, Kadzior.
Allenatore: Nenad Bjelica.


GRUPPO C

Manchester City - Shakhtar Donetsk 1-1
56' Gundogan (M); 69' Solomon (S)


Classifica
Man City 11; Shakhtar 6; Dinamo 5; Atalanta 4

_________________________________________________________________________________________________

Nel gruppo B, invece, era già quasi compromessa la posizione della Stella Rossa. Serviva un miracolo interno dei serbi contro il Bayern Monaco, ma i tedeschi, da quando hanno cambiato la guida tecnica passando da Kovac a Flick, inizialmente solo allenatore ad interim ma probabilmente su quella panchina almeno fino al termine della stagione, sembrano un'altra squadra. E a dimostrazione di ciò c'è la totale lezione di calcio impartita ai campioni di Serbia, sommersi sotto sei gol nel loro Marakana. Ben quattro portano la firma di uno straordinario Lewandowski. Le preoccupazioni, semmai, arrivavano dall'altra gara del girone, visto che quasi a fine primo tempo l'Olympiacos conduceva di due reti in casa del Tottenham. Poi la squadra inglese, alla prima in Champions con Mourinho, ha sistemato le cose e rimontato fino al successo finale. Serbi matematicamente eliminati, certo, ma almeno c'è la possibilità di accedere all'Europa League, visto i due punti di vantaggio sull'Olympiacos. Fondamentali gli ultimi novanta minuti, con la sfida in terra greca dalla quale servirà strappare almeno un pareggio. Servirà soprattutto una Stella Rossa diversa.


STELLA ROSSA - BAYERN MONACO 0-6
14' Goretzka; 53', 60', 64' e 67' Lewandowski; 90' Tolisso

Stella Rossa (4-2-3-1): Borjan; Gobeljic, Degenek, Milunovic, Rodic; Canas (dal 61' Vulic), Petrovic (dal 77' Ivanic); Vukanovic, Marin, Garcia (dal 69' Pankov); Boakye.
A disposizione: Popovic, Tomane, Jander, Van La Parra.
Allenatore: Vladan Milojevic.

Bayern Monaco (4-2-3-1): Neuer; Pavard, Javi Martinez (dal 69' Kimmich), Boateng, Davies; Thiago Alcantara, Goretzka; Tolisso, Coutinho (dal 61' Perisic), Coman; Lewandowski (dal 77' Muller).
A disposizione: Ulreich, Gnabry, Mai.
Allenatore: Hans Dieter Flick.


GRUPPO B

Tottenham - Olympiacos 4-2
6' El Arabi (O); 19' Semedo (O); 45'+1' Alli (T); 50' e 77' Kane (T); 73' Aurier (T)


Classifica
Bayern 15; Tottenham 10; Stella Rossa 3; Olympiacos 1