Il Maribor espugna una Lubiana a lutto e riapre il campionato

29.09.2019 22:34 di Redazione Calcioslavo.it   Vedi letture
Il Maribor espugna una Lubiana a lutto e riapre il campionato

È stato certamente un fine settimana intenso, pieno di emozioni, quello del calcio sloveno. Soprattutto nella capitale Lubiana, in cui da poche ore si erano pianti - a stretta distanza, beffardamente, l'uno dall'altro - due ex allenatori degli Zmaji, scomparsi negli scorsi giorni: Suad Besirevic, deceduto a 56 anni, e Vukasin Visnjevec, che invece di anni ne aveva 80 anni quando è passato a miglior vita. Uno il 27 settembre, l'altro il giorno successivo, secondo un disegno che solamente il destino conosce, ed è in grado di manovrare. E che ha reso l'evento di sabato sera - momento clou dell'intera stagione calcistica slovena, visto il duello a due che sta caratterizzando le ultime edizioni della Slovenska Prva Liga - la super-sfida tra l'Olimpija Ljubljana e il Maribor, un evento purtroppo caratterizzato, e segnato dal lutto. Lo è stato anche sportivamente parlando per una delle due parti poche ore, ma non ci azzardiamo a paragonare niente alla sofferenza della morte.

In campo, il destino aveva invece preparato un giudizio da fornire solamente negli ultimi istanti dell'atto. E così è stato, anche se sin dall'inizio il Maribor ha provato ad indirizzarlo dalla sua, andando sul doppio vantaggio grazie ai gol di Zahovic (immediato) e del grande ex Kronaveter, ripresi però dalle reti di Menalo e Vukusic: l'ex Pescara, dopo essersi fatto respingere da Piric il tentativo iniziale, ha ribadito in rete. A quel punto, nel recupero, gli ospiti hanno trovato un uno-due letale: Kronaveter ha firmato la sua personale doppietta, quindi Vancas ha steso definitivamente un'Olimpija totalmente riversata in avanti. Il successo dei Vijolicasti è essenziale, e riapre del tutto le sorti di un campionato con le piccole Mura e Aluminij che provano a fare da outsider, ma che con ogni probabilità finirà con la solita corsa a due. Di fatto, si è riazzerato tutto: le due squadre corrono infatti adesso insieme in testa alla classifica, con 24 punti raccolti dopo dodici giornate.